Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Altri Sport, Canottaggio, Sport Disabili

Adaptive Rowing, si è concluso il weekend di gare a Gavirate. Soddisfatta la Grizzetti

Si è concluso ieri il weekend ricco di gare di Adaptive Rowing a Gavirate. Davvero tanti gli atleti che hanno preso parte alle gare, in vista delle qualificazioni per le Olimpiadi di Londra che si terranno a Belgrado dal 3 al 5 maggio prossimi. Soddisfatta Paola Grizzetti, tecnico della Nazionale Italiana.
Due quarti posti per l’Italia nella terza e conclusiva giornata della regata internazionale Adaptive di Gavirate (Varese). Sono il doppio (Daniele Stefanoni, Silvia De Maria) ed il quattro con (Mahila Di Battista, Florinda Trombetta, Pierre Calderoni, Andrea Marcaccini, tim. Alessandro Franzetti) a sfiorare il podio nelle gare vinte rispettivamente da Francia e Gran Bretagna, nella foto di Claudio Cecchin.
Dopo il quinto posto di ieri, una prestazione compromessa da una falsa partenza, il quarantacinquenne lecchese Stefanoni e la trentanovenne torinese De Maria si riscattano lungo i 1000 metri di gara segnati da una leggera pioggia: francesi ed australiani non sono ancora alla portata, testa a testa con il Brasile che la spunta per un secondo e tre decimi. 

Si migliora di una posizione anche il ‘quattro con’: con il ventenne fiorentino Marcaccini a capovoga, la nuova formazione (la trentunenne milanese Trombetta, il diciassettenne ferrarese Calderoni, la ventiquattrenne
varesina Di Battista, il timoniere Franzetti) convince a pieno per il carattere e la determinazione espressi durante l’intero percorso. Il bronzo sfuma per soli 50 centesimi, a vantaggio della Francia. Tutto facile per la Gran Bretagna, 5”40 più veloce della Germania ed oltre undici rispetto a francesi ed italiani. Sesto l’altro ‘quattro con’ azzurro, composto dalla comasca Sara Kobal, dalla romana Lucilla Aglioti, dallo stabiese Tommaso Schettino e del cremonese Daniele Signore (tim. Yuri Corritore). 

Nel singolo AS (braccia e spalle) è il cinese Huang a esultare ed ad alzare il Trofeo Carlo Vigentini, dedicato al vogatore della Canottieri Gavirate scomparso prematuramente nel 2009. Primo in finale B, il quarantatreenne fiorentino Fabrizio Caselli. Sia lui, sia il ‘quattro con’ oggi quarto classificato tenteranno la qualificazione alle Paralimpiadi in occasione della regata di Belgrado (3-5 maggio). Nel singolo TA (tronco e braccia), invece, il fiorentino Pier Alberto Buccoliero ed il trevigiano Massimo Spolon concludono la loro prova al quarto e quinto posto.

E’ molto stanca ma anche soddisfatta Paola Grizzetti, CT della Nazionale Adaptive, dopo la sesta edizione della regata internazionale. Ecco il suo pensiero, a cinque giorni dal via alle qualificazioni paralimpiche di Belgrado. 

”Con una partecipazione così numerosa e qualificata, ho potuto verificare il livello internazionale del canottaggio Adaptive. Qui a Gavirate, in questo weekend, si sono confrontati tutti gli equipaggi che saranno protagonisti prima alle qualificazioni Belgrado e poi alle Paralimpiadi Londra. Sono contenta, soprattutto per le risposte fornite in barca dai miei atleti nella giornata di oggi. Molto bene il ‘quattro con’ che oggi ha conteso la medaglia ai francesi, quarti ai Mondiali di Bled. Andrea, Pierre, Mahila, Florinda e Alessandro andranno a Belgrado con grandi motivazioni e consapevolezza del loro valore. Il doppio si è ben comportato, la loro preparazione è ovviamente finalizzata a Londra ed avranno possibilità di crescere ancora e testare la loro condizione in Coppa del Mondo a Monaco di Baviera”.