Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Varese Calcio

E’ tutto scritto

Il suo approccio con la serie A lo definisce “un praticantato”. Quando passò dalla C alla B parlò di “una scoperta”. Un gradino alla volta, Giuseppe Sannino è arrivato a sedersi su una panchina (anche se ormai ci sono solo poltroncine ) della massima serie. Ed è già riuscito a perdere! Era un po' che non gli succedeva.


“Ne avrei fatto volentieri a meno – risponde Sannino in pressing il battesimo a Catania era andato decisamente meglio ma, la Juventus è una squadra di campioni ed una sconfitta di misura con certa gente ci può stare. Anche se… “


Anche se ci poteva stare un bel pari. Mettiamola così “è tutto scritto”. Certo che come prova d'appello ne avete una bella tosta, in uno stadio che, come direbbe lei, “ho visto solo in televisione”.


“Ogni cosa di questo campionato l'ho vista solo in televisione, non solo lo stadio Olimpico di Roma. Il Siena mi ha offerto un palcoscenico affascinante ma non abbastanza per modificare il mio modo d'essere. La società è organizzata come un orologio svizzero. Il resto dipende da me. Un passo alla volta, con umiltà e cultura del lavoro. Come sempre”.


Nella “sua” Varese ci sono un po' di turbolenze. Il recente passato pesa come un macigno e la doppia S aleggia nell'aria come un doppio fantasma. L'Amministratore Delegato Enzo Montemurro è sbottato.


“La vita è un romanzo. Quello che ho condiviso a Varese con il presidente Rosati, Montemurro, Sogliano, i giocatori, ma anche ogni componente della società e i tifosi, è qualcosa che va oltre ogni risultato sportivo. Nessuno può pretendere che esistano due romanzi uguali. Il Varese ha una lunga storia alle spalle e grazie a Rosati e Montemurro un  presente e un futuro. Ognuno di noi ha il diritto di scrivere la sua storia. Chi ha scelto di rimanere e chi ha scelto di vivere altre esperienze. Oggi il Varese è Rosati, Montemurro, con Milanese e Carbone. La città e i tifosi devono sostenerli per scrivere un romanzo nuovo che sarebbe deleterio, intitolare “Amarcord”. Nella foto la copertina del settimanale senese “Il Bianco Nero”